Chrysophyta

Chrysophyta Chrysophyta
                                                                 
Chrysophyta: Organismi unicellulari autotrofi marini raggruppati in tre classi:

Classificazione scientifica
Regno: Protista
Phylum: Heterokontophyta
Classe: Chrysophyceae

Contengono clorofilla A ed C, carotenoidi e fucoxantina.
La loro sostanza di riserva è la crisolaminarina (un polisaccaride idrosolubile).
La parete può essere costituita da fibrille di cellulosa intrecciate, talora con incrostazioni minerali di tipo siliceo.

Chrysophyceae: alghe dorate

Classificazione scientifica
Regno: Protista
Phylum: Heterokonta
Classe: Chrysophyceae
Ordini:
Chromulinales
Chrysosphaerales
Hibberdiales
Hydrurales
Phaeothamnales
Classe di organismi acquatici (sia marini che d'acqua dolce) unicellulari.
Alcuni sono dotati di due o tre flagelli altri ne sono del tutto privi.
I cromatofori contengono clorofilla a e c, b-carotene e fucoxantina, da cui il caratteristico colore giallo-oro. Si tratta quindi di organismi fotoautotrofi che però in alcuni casi sono in grado di nutrirsi per fagocitosi.
Possono avere organizzazione monadale, capsale o tricale.
La riproduzione asessuale può avvenire per divisione diretta o per formazione di zoospore. In alcuni casi è presente la riproduzione sessuale per isogamia.

Xantophyceae: alghe giallo verdi

Bacillariophyceae: Diatomee
Le Diatomee non sono dotate di flagelli.
Hanno una parete silicea opale detta FRUSTOLO, costituita da due valve con un solco detto RAFE.
Possono essere pennate (simmetria bilaterale), bentoniche o centriche (simmetria raggiata) pelagiche.
Si muovono grazie a dei corpi cristallini estroflessi dal rafe, ai quali la diatomea si avvicina tramite una briglia citoplasmatica, che durante il movimento si accorcia. Le diatomee costituiscono la farina fossile.
La riproduzione asessuale è quella prevalente, e si attua anche per mezzo di zoospore.