Bolbitius aleuriatus Fries - Singer, 1951                                    
Per il disegno scuro presente al centro del cappello. Fungo saprofita basidiomicete appartenente alla famiglia Bolbitiaceae. Ampiamente distribuito, ma poco appariscente. Si riconosce per il colore grigio-viola e la viscositÓ del cappello quando Ŕ umido. Simile a Bolbitius reticulatus: Index Fungorum li classifica sotto la stessa specie.   Classificazione Scientifica:
  Dominio: Eukaryota
  Regno: Fungi
  Divisione: Basidiomycota
  Classe: Basidiomycetes
  Ordine: Agaricales
  Famiglia: Bolbitiaceae
  Genere: Bolbitius
  Specie: Bolbitius aleuriatus
  Sinonimi: Bolbitius reticulatus

 

 

Clicca per aprire la scheda Cappello

Cappello molto viscoso, grigio viola, al centro viola scuro, di piccole dimensioni 1 - 2 cm, da giovane, da subgloboso a convesso, poi convesso e infine appianato con la presenza di un disegno simile ad una rete, venoso e scuro verso il centro, con maglie pi¨ o meno circolari, depresse nella parte mediana, il margine Ŕ rigato e non presenta reticolo.
Lamelle libere e strette, nei giovani esemplari di colore bianco, a maturitÓ rosa-ocra.
Spore ellissoidali, lisce, relativamente a pareti spesse, con poro germinativo centrale. 9 - 11 Î 4,5 - 6 micron. Sporata ocra - ruggine in massa.
Gambo da 1,5 a 3 cm di lunghezza, 1,5 - 3 mm di spessore. Bianco, cilindrico, allungato, pruinoso, superficie umida di colore crema giallastro pallido. Non presenta anello.
Carne bianca, immutabile, morbida, sottile, fino a 2 mm di spessore. Odore e sapore quasi nullo, non ben definibile.
Fruttifica dal tardo autunno a metÓ inverno, per lo pi¨ solitario su tronchi e rami in decomposizione.
Non commestibile. Comunque troppo piccolo e fragile per avere interesse e valore alimentare.
Un click su ciascuna foto per ingrandire................ Doppio click per ritorno normale...